"Non puo' finire mai", a Parcocittà il ricordo in musica di Francesco Tomaciello: sarà Ghemon a dedicargli un dj-set

Ingresso gratis e opening act a partire dalle 20 con musica, break dance e un'estemporanea d'arte. Dopo Ghemon c'è Dj Uncino

“Non può finire mai”. Una frase, tanti significati, un ricordo indelebile. Quello di Francesco Tomaciello, lo studente universitario foggiano morto suicida a maggio a soli 22 anni lanciandosi dall’ottavo piano della casa dello studente “Adisu” di Largo Fraccacreta, a Bari.
Una scomparsa che lasciò attoniti l’intera comunità studentesca e la città di Foggia, soprattutto chi aveva conosciuto Francesco, a ne aveva apprezzato doti e capacità.

IL RICORDO DI TOMACIELLO IN MUSICA, DANZA E ARTE. E quale migliore modo di ricordare la scomparsa di un ragazzo, se non attraverso il linguaggio della musica? Per questo, il prossimo 1 agosto Parcocittà diventerà “teatro” di un dj set di uno dei talenti migliori della Black Music: Ghemon.
Sarà il suo dj set a caratterizzare la serata, che si intitolerà “Non può finire mai”, con ingresso gratuito a partire dalle ore 20 e apertura affidata ai dj Dfonk e K9, oltre che all’opening act di break dance/open floor curato da Daniel Foda e all’estemporanea d’arte/graffiti a cura di Marcello Sepalone alias Maxel.

GHEMON. Classe 1982 e originario di Avellino, Ghemon è uno dei più talentuosi e apprezzati artisti hip hop italiani.
Negli anni ha saputo rinnovare il suo personalissimo stile, caratterizzato da temi profondi e rime molto curate sotto l'aspetto lessicale, che fanno di lui un artista a metà tra un cantautore e un rapper: un caso quasi unico all'interno dello scenario rap tricolore.

DJ UNCINO. A seguire il dj-set di dj Uncino, tra i producer più importanti della scena hip-hop italiana, collaboratore in pianta stabile, tra gli altri, della Ganjafarm Cru.

PARCOCITTA'. Il concerto dell’1 agosto rientra nelle iniziative estive promosse dal Centro Polivalente riqualificato dal progetto messo su dall’Ats (formata dall’associazione di promozione sociale Energiovane, dall’associazione di volontariato L’Aquilone, dalla Fondazione “Apulia Felix” e dalla Cooperativa Monti Dauni Multiservice, con il sostegno della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia e il Comune di Foggia) con l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza foggiana attraverso cultura e partecipazione.

IL NUOVO IMPIANTO LUCI. Gli spettatori dello spettacolo di martedì 1 agosto, inoltre, potranno ammirare il nuovo impianto di illuminazione di Parcocittà, comprensivo di lampade sicurezza e luci segnapasso, che consentirà una visuale ancora più ottimale agli spettatori che usufruiranno degli eventi previsti.
L’impianto luci è un primo risultato della raccolta fondi condotta con successo attraverso il progetto “Luci su Parcocittà”, che tramite la piattaforma di crowfunding “Meridonare” mirava alla riqualificazione urbana, sociale e culturale dell’anfiteatro all’aperto di Parco San Felice.

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload