ATAF, testa d'agnello inviata al presidente Ferrantino

Stamattina c'è stato l'ennesimo atto di intimidazione al Presidente dell'Ataf Raffaele Ferrantino.

I FATTI. Intorno alle 6 davanti al cancello dell'Ataf è stata ritrovata una scatola indirizzata al presidente che conteneva una testa d'agnello. Sul posto si è recata subito la Polizia che sta facendo tutti gli accertamenti, anche controllando le telecamere della zona, per individuare l'autore della minaccia. Ferrantino aveva già ricevuto in passato altre intimidazioni tra cui l'incendio dell'auto e l'affissione di un manifesto funebre.

IL MESSAGGIO DI LANDELLA. “Al presidente Raffaele Ferrantino, a titolo personale ed istituzionale, formulo la mia solidarietà -scrive il sindaco in una nota- e quella dell’intera Amministrazione comunale per il macabro atto intimidatorio di cui è stato destinatario. Purtroppo non si tratta del primo gesto di questa natura indirizzato al presidente del Consiglio di Amministrazione di Ataf SpA, il che rende ancor più inquietanti contesto e scenario. Sono fiducioso che le indagini -continua Landella- degli inquirenti e la presenza nella zona di telecamere possano rapidamente portare all’individuazione dell’autore di questo gesto chiaramente e deliberatamente intimidatorio, che sono certo sarà punito in modo esemplare. A Raffaele Ferrantino -conclude il sindaco- e alla sua famiglia vanno il nostro abbraccio e la nostra vicinanza, nella profonda convinzione che nessuna forma di violenza o intimidazione sarà in grado di far venir meno il suo impegno nei confronti dell’azienda che con senso di responsabilità è chiamato a presiedere, né la generosità con cui esercita il suo incarico nell’interesse della città”.

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload