Cronaca semiseria di Avellino-Foggia

Rispetto all'anno scorso la squadra è irriconoscibile, ha addirittura segnato un rigore!

Ci sono mestieri complicati: il neurochirurgo, il direttore d'orchestra, il magistrato antimafia. Ma pure l'autore satirico dopo Avellino-Foggia 5-1 non è per niente facile. Se sei foggiano intendo. Se fossi avellinese... no va bene tutto, ma non mi fate immaginare come sarebbe la mia vita se fossi avellinese...

COME LANDELLA. Ok, torniamo a noi. Lamenti, sogni infranti, ipotesi di complotto, proteste per i soldi spesi male. Dopo la sconfitta di ieri i tifosi del Foggia sembrano i consiglieri di maggioranza di Landella. Stroppa dice che si sente in discussione. Oh, mica vuole dimettersi e andare a fare il parlamentare pure lui?

IL BLACK OUT. Secondo me tutto è iniziato dal black out di venerdì sera. Probabilmente Stroppa stava provando le formazioni al computer, un po' come facciamo noi al fantacalcio, solo che lui usa uno di quei software fantascentifici per allenatori. Ad un certo punto deve aver detto: “e se provassi il 3-5-2?” e ha impostato la squadra. Ma era una cosa così, tanto per provare. Poi si è spento tutto per più di mezz'ora. Quando la corrente è tornata il computer deve essere andato in tilt, ed è venuto fuori che era meglio il 3-5-2. Lo sapete come è finita no?

IRRICONOSCIBILI. Rispetto alla passata stagione la squadra è irriconoscibile. Ne ho avuto prova verso la mezz'ora del primo tempo. Ok non correre e non pressare, ok sbagliare i passaggi più facili. Ma abbiamo addirittura segnato un rigore. Un rigore, vi rendete conto? L'anno scorso non sarebbe mai successo...

IL BARI. Io non mi spavento per il 5-1. Perdere 1-0 o 5-1 è la stessa cosa. Solo che giusto contro Pescara e Avellino doveva capitare? Per fortuna la partita col Bari non è molto vicina, che sennò veramente rischiavamo che oltre all'aeroporto e la stazione ci toglievano anche il benzinaio sulla Statale 16...

IL CURRICULUM. Sia chiaro: Stroppa e Di Bari prima come calciatori poi come allenatore e diesse hanno avuto le carriere che conoscete, mentre io facevo la panchina pure nei tornei parrocchiali. E pure voi che rompete tanto le palle, non mi pare che siete mai andati oltre la Coppa Disciplina al torneo del manicomio. Mettiamola su questo piano, sono come due studenti che vengono dalle medie e hanno iniziato le superiori prendendo un brutto voto. Dategli il tempo di mettersi a studiare e le cose andranno meglio. O almeno di capire chi sono i compagni da cui copiare...

LA PUNIZIONE. Comunque io ci scherzo ma sono arrabbiato quanto voi. Servirebbe una sveglia, una strigliata. Niente multe o ritiri punitivi, occorrerebbe qualcosa di più forte. Lo so che vi sembrerà esagerato, ma c'è un'unica cosa che li spaventerebbe: una settimana senza Instagram! E poi vediamo se non vincono col Palermo...

di Sandro Simone


 COMMENTI
  •  reload