Da Pio e Amedeo a capitan Agnelli, il tributo delle curve alla “foggianità”

Il Foggia a un passo dalla promozione è motivo di vanto, riscatto e orgoglio. Non solo per i colori rossoneri, ma per un intero territorio. E per celebrare la “foggianità”, le due curve dello Zaccheria hanno scelto due tributi, collegati sia al calcio che all’amore per la propria città.

SOTTO LA NORD. Prima della gara contro la Reggina, la Curva Nord Franco Mancini ha voluto omaggiare il duo comico formato da Pio D’Antini e Amedeo Grieco, con un “colorito” striscione. Un modo per elogiare il loro attaccamento a Foggia, contraddistinto anche da azioni concrete, come l’inaugurazione del parco in via Parini (LEGGI: Pio e Amedeo inaugurano a Foggia il parco "scroccato" a Belen e Iannone).

IL CORO. La curva Sud Piero, invece, ha fatto uno strappo alla regola, dedicando un coro al capitano del Foggia, Cristian Agnelli, nonostante da anni viga la regola non scritta dell’evitare cori “personalizzati”. “E’ stato anche criticato in questi anni, ma quando scende in campo dà veramente tutto”, hanno commentato i capi della curva nel lanciare il coro. Un concetto ribadito a fine gara dal tecnico rossonero, Giovanni Stroppa: “Agnelli ha portato nello spogliatoio la foggianità - ha spiegato l'allenatore in conferenza stampa -, ha portato dentro l’importanza di questa maglia e i valori che questa città poteva trasmettere”. La foggianità che vince...

di Redazione 


ALTRE NOTIZIE

 COMMENTI
  •  reload