Foggia, via Lanza si rifà il look: un milione di euro per “rifunzionalizzare” l’area pedonale IL TOUR VIRTUALE

È stato approvato dalla giunta comunale il progetto di ‘rifunzionalizzazione’ di via Lanza. Un milione di euro, anzi come precisano da Palazzo di Città “costi stimati in 999mila 995 euro” per rifare il look dell’isola pedonale voluta dal sindaco di Foggia, Franco Landella. Un progetto che ha preso forma “dopo la lunga ed articolata fase di partecipazione da parte dei cittadini – spiega Landella – e attraverso una serie di interventi, l’obiettivo della pedonalizzazione sarà potenziato anche sul piano dell’arredo urbano, in modo da riconnettere via Lanza con le sue origini, con ciò che questa porzione del centro cittadino rappresentava e significava circa un secolo fa, coniugando così modernità e tradizione” (GUARDA QUI IL TOUR VIRTUALE NELLA NUOVA VIA LANZA).

LA PEDONALIZZAZIONE. Da oggi i cittadini potranno passeggiare virtualmente nella nuova via Lanza collegandosi al portale internet dell’Amministrazione comunale, visionando così il progetto realizzato dall’area tecnica del Comune di Foggia, “redatto – evidenziano da Palazzo di Città - in assoluta coerenza con i contributi raccolti nell’ambito della procedura di consultazione rimasta aperta per tutto gennaio 2017. Siamo dunque in presenza di un processo in cui sono stati direttamente i foggiani a disegnare il nuovo volto di via Lanza, in una logica di partecipazione e collaborazione praticata attivamente e concretamente, dando così seguito al grande consenso popolare ottenuto dal provvedimento con cui l’attuale Amministrazione comunale ha scommesso sulla pedonalizzazione dell’area”.

LA ‘RIFUNZIONALIZZAZIONE’. Nel progetto – spiegano da Palazzo di Città - saranno formate quattro fasce funzionali distinte: una delimitata delle attività commerciali e dal filo interno delle attuali aiuole riservata al passeggio; una che individua l’allargamento in senso trasversale delle preesistenti aiuole, per un aumento della superficie verde e l’installazione di panche lungo bordi dei lati lunghi delle stesse aiuole; una dalla pavimentazione analoga alla precedente, ma riservata al passeggio; una centrale larga almeno 7 metri destinata al passeggio e al passaggio dei mezzi autorizzati in caso di necessità o emergenza, nonché già predisposta nelle dimensioni per il trasporto pubblico locale elettrico. Tutte queste fasce saranno poste su di un unico livello, lo stesso di piazza Giordano e dell’attuale marciapiede, in modo da avere un ‘continuum spaziale’, una sorta di ‘agorà’ filiforme priva di barriere e ostacoli.

LE RAMPE. L’intera pavimentazione sarà collegata al livello stradale tramite rampe, in modo da facilitare l’accesso alle persone diversamente abili e ai mezzi autorizzati. La predisposizione di apposite guide tattili a terra permetterà poi la libera fruizione dello spazio da parte di non vedenti ed ipovedenti. In corrispondenza degli sbocchi stradali di via S. Maria della Neve, di Piazza Cavour, di via Vincenzo della Rocca e di via Diomede saranno previste delle zone di deposito per le biciclette tramite 24 elementi portabici. Sul lato sud dell’area, infine, sarà inserita una piccola area di parcheggio con cinque posti auto.

GLI ALBERI. Per quanto riguarda il sistema del verde – proseguono dal Comune -, le aiuole previste nel progetto saranno ricavate da un ampliamento significativo delle preesistenti e dall’introduzione di ulteriori nuove. L’orientamento trasversale di queste superfici verdi, analogo a quello delle profonde panche monoblocco, in contrasto con quello longitudinale della strada, inviterà il cittadino alla sosta e al riposo vicino alle aiuole fiorite e all’ombra delle alberature. Saranno quindi sviluppate complessivamente 76 aiuole. Le 49 alberature già presenti, invece, saranno conservate e ne saranno inserite 27 nuove. All’interno di ogni aiuola sarà presente una pianta di arbusto.

LE PANCHE. Sempre in corrispondenza dei lati lunghi delle aiuole, ed in base alle attività commerciali presenti, saranno inserite complessivamente 46 panche in pietra ricostruita. In previsione della futura dotazione di impianto di illuminazione, è stata poi prevista la predisposizione al di sotto della pavimentazione di un ‘corrugato’ in PVC per l’alimentazione elettrica, parallelo alla fascia delle panchine e delle aiuole. Per la raccolta dei rifiuti, infine, saranno predisposti lungo l’intera via 6 gruppi da 4 cestini rettangolari in lamiera con quattro colorazioni differenti e dei ferma sacco, in base alla tipologia di rifiuto (vetro, plastica, carta, generico).

I SUGGERIMENTI. Le principali richieste pervenute attraverso la procedura di consultazione - hanno riguardato l’eliminazione dell’asfalto e pavimentazione di via Lanza e di corso Vittorio Emanuele II, l’accesso ai soli mezzi pubblici e per le operazioni di carico-scarico merci, una migliore gestione del traffico, l’eliminazione dei marciapiedi e delle differenze di quota per tutta l'isola pedonale, il potenziamento del verde, l’inserimento di aiuole, la piantumazione di nuovi alberi; l’inserimento di spazi ricreativi e di ritrovo, l’inserimento di panchine; l’installazione di rastrelliere per le bici/posizionamento di bike station controllata ai margini dell'area pedonale, la chiusura del traffico veicolare di via Diomede fino a piazza Umberto Giordano o parziale chiusura nei weekend, la valorizzazione delle attività commerciali esistenti. “Elementi sui quali l’Area Tecnica del Comune di Foggia ha lavorato nella costruzione del progetto – conclude il sindaco di Foggia –. Un progetto interamente redatto investendo sulle risorse interne dell’Ente, senza incarichi esterni”.

di Redazione 


 COMMENTI
  • tommaso

    19/03/2017 ore 19:53:38

    Fantastico!!! Una grande priorità per Foggia. La città ha davvero tutto, mancava proprio spendere questi denari avanzati.
  •  reload