E' foggiano il nuovo ambasciatore italiano in Niger: Marco Prencipe "gestirà i flussi migratori"

È nato a Foggia nel 1968, si è laureato nel 1991 in Economia e Commercio presso l’Università di Bologna e nel 1999 ha conseguito un Master in Cooperazione allo Sviluppo presso l’Università di Pavia. È parte del curriculum di Marco Prencipe, il nuovo ambasciatore italiano in Niger.

LA PRESENZA ITALIANA. "La presenza di un nostro ambasciatore a Niamey – ha commentato il ministro degli Esteri, Angelino Alfano -, ci aiuterà a sostenere il Niger nella gestione dei flussi migratori". In Niger, l'Italia era già presente con progetti della cooperazione allo sviluppo focalizzati su sicurezza alimentare, sanità pubblica e sostegno alla piccola imprenditoria. L'apertura dell'ambasciata – spiegano dalla Farnesina - è stata decisa nel quadro di una strategia tesa a rafforzare la presenza italiana nell'area del Sahel e dell'Africa occidentale, cruciale per la gestione dei flussi migratori diretti verso l'Europa.

ALLE NAZIONI UNITE. Il primo incarico di Prencipe in Farnesina è stato presso la direzione generale per i Paesi dell'Africa subsahariana. Ha all'attivo anche un incarico presso l'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine.

di Redazione 


 COMMENTI
  • mohamed abety

    04/03/2017 ore 13:57:42

    Bella iniziativa aiuterà il Niger a gestire l'immigrazione perché la città dagadez a sofferto tanto .Benvenuto ambasciatore Buon lavoro .
  •  reload