Piazza Mercato è diventata un “mercato”, i residenti contro la movida notturna

La denuncia: “Così il Comune riqualifica?”

Frastuoni notturni, atti vandalici e assenza di controlli. Piazza Mercato è diventata – è proprio il caso di dire - un “mercato” a causa della movida notturna e i residenti si lamentano. A rimetterci, negli ultimi giorni, anche una delle panchine installate nel corso dei recenti lavori di risistemazione.
SCHIAMAZZI NOTTURNI. “E' così che il Comune intende riqualificare la piazza?” si chiede uno dei residenti esasperato dall'attuale situazione che si crea soprattutto nei fine settimana. “Il frastuono dura fino alle 4,30 del mattino e i locali vendono alcoolici fino a quell'ora- la sua denuncia. È normale? Non oso immaginare quando apriranno nuove “cicchetterie” così come sembrerebbe dalle voci”.
MUSICA AD ALTO VOLUME. Le sue proteste non si rivolgono esclusivamente ai giovani che affollano la piazza ma soprattutto ai titolari dei locali che "diffondono musica ad alto volume, al punto da far tremare i muri di casa”. E i controlli? Assenti a dire delle sue parole: “Siamo esasperati! Più volte ho chiamato i vigili urbani ma loro mi hanno risposto dicendomi che dopo le 22 non possono più intervenire; la polizia fa quel che può e noi passiamo le notti insonni e magari la mattina dopo troviamo lo specchietto della macchina a terra e l'urina davanti il portone di casa”.
GLI ATTI VANDALICI. Una situazione insostenibile testimoniata dalle foto che mostrano l'assembramento di persone dinanzi ad uno dei tanti locali della zona. In uno degli scatti anche la prova di un atto vandalico che, a prima vista, appare incomprensibile. Una delle quattro panchine collocate, secondo il progetto di riqualificazione, sul nuovo piazzale accanto ai cestini portarifiuti, è stata letteralmente “spodestata”. Come verificato da Foggia Città Aperta, la panchina giace da giorni capovolta su di un lato sopra il canale di scolo delle acque piovane e restano ancora visibili i segni della sua precedente collocazione. Difficile comprendere se si sia trattato di una semplice bravata o di uno spostamento con uno scopo specifico. In ogni caso nessuno, almeno per ora, si è preoccupato di risistemarla.

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload