Picchia moglie e figlio con forbici da cucina. L'anno scorso lanciò contro di loro una tv

Arrestato per maltrattamenti in famiglia

Ubriaco, aveva picchiato la moglie e aggredito il figlio di 18 anni con forbici da cucina: Bouazza Ait Abdennour, 61 anni, è stato però bloccato e arrestato dai carabinieri di Foggia, per maltrattamenti in famiglia.
L’AGGRESSIONE. I carabinieri erano intervenuti durante la notte del 6 gennaio presso un abitazione in via Rosati dove risiede il nucleo familiare dell’aggressore (la moglie di 55 anni e i tre figli). I militari erano riusciti a bloccare l’uomo, ancora in stato di agitazione, e avevano raccolto la denuncia della donna che aveva consegnato ai militari un paio di forbici strappate dalle mani del marito durante l’aggressione.
LE FORBICI DA CUCINA. La donna aveva raccontato che l’uomo era rientrato in casa ubriaco una mezz’ora prima, violando la disposizione di legge che ne imponeva il divieto di dimora nel comune di Foggia. Il marito aveva iniziato a insultarla e, dato che il figlio maggiore aveva preso le difese della donna, lo aveva aggredito con un paio di forbici da cucina colpendolo fortunatamente solo di striscio all’addome, prima che la moglie riuscisse a disarmarlo.
IL PRECEDENTE. L’aggressore è stato arrestato e condotto in carcere considerato anche i suoi precedenti specifici: esattamente un anno prima, quando ancora conviveva con la moglie e i figli, era stato arrestato dai militari per le continue violenze e soprusi. In quell’occasione l’uomo tentò di ferire la moglie e il figlio scagliandoli contro un televisore e una pentola d’acqua bollente, per poi aggredire i carabinieri intervenuti con una bottiglia di vetro rotta.

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload