Stampa questa pagina

'Made in Puglia’ e turismo di qualità: riparte l’Apulia Hotel Palace Lucera, la sfida di Colavita e Vivo

Una nuova sfida imprenditoriale. Firmata dai foggiani Gaetano Colavita e Antonio Vivo di Apulia hotel', per poter vivere di turismo in Puglia, in generale, e nel Foggiano, in particolare. La catena ‘Apulia Hotel’ di Ostuni trova una nuova casa a Lucera, nella struttura dell’Apulia Hotel Palace Lucera & Spa****, che riapre i battenti accogliendo i clienti in una realtà completamente rinnovata.

LA CATENA. “Io e il mio socio ci siamo conosciuti all'Università - spiega Gaetano Colavita -. Circa 20 anni fa abbiamo conseguito insieme il titolo accademico in Economia e gestione delle imprese turistiche presso l’Università degli Studi di Foggia e rientravamo tra i primi ‘pazzi’ del tempo che credevano si potesse vivere di turismo in Puglia. Evidentemente non ci sbagliavamo: da allora abbiamo sempre e solo lavorato a livello manageriale nel turismo pugliese, fino a quando non abbiamo deciso di creare una catena alberghiera - la ‘Apulia Hotel’, appunto - che al momento conta quattro alberghi sparsi per la regione, più un altro paio in acquisizione tra Puglia e Calabria”.

LA SFIDA. Il ‘valore Puglia’ - inteso come ospitalità, accoglienza, buona cucina e benessere - è al centro del progetto, partito in Valle d’Itria, con l’obiettivo di raggiungere al più presto la provincia di Foggia. “La nostra principale attività è in Valle d'Itria, ad Ostuni, dove abbiamo due strutture avviate, ma il richiamo della nostra terra e delle nostre radici è sempre stato molto forte”, continua Antonio Vivo. “Così abbiamo colto al volo la possibilità di investire nel centro federiciano, acquisendo la gestione di una struttura importante ma che negli ultimi anni ha vissuto un declino inesorabile, che l’ha portata al fallimento”.

LA STRUTTURA. L’Apulia Hotel Lucera è un ‘4 stelle’ di nuovissima costruzione, in una posizione strategica per raggiungere i principali luoghi di interesse della Capitanata e vicina alle principali infrastrutture di collegamento. Due i ristoranti presenti nella struttura, per una capienza complessiva di oltre 400 persone.

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload