">
Stampa questa pagina

Un secolo di gelosia e un sacco di risate, recensione semi-seria dello spettacolo “Cani e Gatti”

L'ultima volta che sono entrato al Teatro Giordano è stato a dicembre per lo spettacolo di Toti e Tata. A presentarli al pubblico foggiano erano stati Fabio Conticelli e Dino La Cecilia. Dietro le quinte avevo detto ad Antonio Stornaiolo ed Emilio Solfrizzi, amici con cui ho collaborato, che non gli poteva capitare di meglio. Ieri ci sono tornato per "Cani e Gatti" della Compagnia Piccolo Teatro. Hanno riso anche i miei figli. Quando un comico è scarso si dice “fai ridere i polli”, se invece fai ridere i bambini allora sei bravo.
 
SOLITA PREMESSA. Io non sono un critico teatrale, per cui non aspettatevi un giudizio tecnico sulla regia o l'allestimento scenico, ancora meno sul trucco visto che sono miope. Inoltre Fabio e Dino sono miei amici ma quella di ieri era l'ultima replica di questo spettacolo, per cui non si tratta di pubblicità, sarebbe come promuovere la Dolce Crema Cosimar. O la producono ancora?

LO SPETTACOLO. Un secolo fa le donne gelose controllavano le lettere dei mariti, ora lo fanno con messaggi e chat del telefonino, ma per il resto nonostante sia passato tanto tempo da quando Edoardo Scarpetta ha scritto questo testo più o meno siamo lì. Ora potrei dilungarmi raccontando aneddoti capitati ad alcuni amici (no a me no! figuratevi!), ma oggi è l'8 marzo per cui direi di evitare. Il punto è: “fanno bene lo donne ad essere gelose o esagerano?”. (No amore mio, tu puoi stare tranquilla!)

LA TRAMA. Una donna è gelosa del marito e continua a litigarci, suo fratello invece ha un rapporto di coppia che sembra perfetto, sembra. L'altro fratello cerca moglie. I loro camerieri ne approfittano... oh ma perchè dovrei raccontarvelo? Tra l'altro se ieri non siete venuti al Giordano, comunque pieno, probabilmente è perchè siete rimasti a casa a vedere la Juve. Che v'agghia dice?

LA PROTAGONISTA. Tutti bravi gli attori, non solo i protagonisti come a volte capita in questi casi, tra l'altro in questo spettacolo di fatto non ci sono ruoli secondari. Su tutti però mi pare spicchi Francesca D'Elia, che interpreta Ninetta, la moglie gelosa di Felice. A tratti mi ha ricordato una persona che conosco bene. (No, non mia moglie, che andate a pensare!)

IL CAST. Gli attori sono: Fabio Conticelli, Francesca D’Elia, Carmen Garofalo, Rita dell’Aquila, Rosario Curcelli, Sarah Panessa, Lorenzo Morra, Fabio Maggio, Tonio di Maggio, Gino di Stefano e Dino La Cecilia. Scene e costumi Emanuela Salvatore. Trucco e parrucco Gamax Academy. Mixer audio e luci Pasquale Mongiello. Foto Visioni Creative. Video maker Michele Di Tonno. Tecnico di scena Ciro Marchetti.

Contenuto sponsorizzato

di Sandro Simone


 COMMENTI
  •  reload