Stampa questa pagina

Peccato Foggia, i rossoneri lottano ma cedono 2-1 al Catanzaro

Non basta il rigore di Curcio, nei giallorossi a segno Evacuo e Carlini

Un Foggia mai arrendevole e in buona condizione fisica nonostante le tre partite in una settimana esce sconfitto dal Ceravolo di Catanzaro per 2-1. La squadra, tuttavia, lotta per 95 minuti e fa intravedere progressi importanti per il prosieguo del campionato. Funziona il cambio modulo con Curcio più avanzato nella linea di centrocampo a supporto di Dell’Agnello e D’Andrea. Da rivedere la difesa che al di là dell’espulsione nel finale di Anelli ha barcollato in più di un’occasione.

PRIMO TEMPO. Al 5’ arriva il primo pericolo da parte del Catanzaro. Sul cross di Verna dalla destra il pallone attraversa tutta l’area e finisce dall’altra parte a Contessa, controcross immediato e colpo di testa dell’ex Di Piazza fuori di un metro. Sei minuti dopo lo stesso attaccante sciupa un’occasione d’oro. Una scivolata di Germinio gli spalanca la strada di Fumagalli che ha la freddezza di restare in piedi e disturbare la sua conclusione. È il preludio al gol: al 17’ Anelli perde il contatto con Evacuo che è libero di presentarsi al limite dell’area dinanzi a Fumagalli e fulminarlo con un rasoterra sul lato lontano. Il primo spunto del Foggia arriva solo al 26’. Sul lancio di Raggio Garibaldi, la sponda di Dell’Agnello libera Curcio al limite dell’area di rigore ma il suo tiro ciabattato è respinto dalla difesa calabrese. È sempre il Catanzaro, però, a rendersi pericoloso dalle parti di Fumagalli. Al 29’ Il portiere rossonero deve respingere coi pugni una conclusione ravvicinata di Baldassini che aveva sfondato sulla sinistra. Sempre da quel lato arrivano i pericoli per il Foggia. Contessa al 31’ crossa al centro dove Evacuo colpisce di testa di controbalzo sfiorando l’incrocio dei pali. Un minuto dopo, tuttavia, arriva il lampo del Foggia. Kalombo è bravo a crederci e a contrastare in scivolata l’uscita della difesa catanzarese. Sul pallone che filtra si avventa Curcio atterrato dal portiere Branduani. Rigore trasformato dallo stesso fantasista rossonero. Nel finale di tempo Di Piazza ha nuovamente l’opportunità di portare avanti i suoi ma il suo diagonale a Fumagalli battuto si stampa sul palo.

SECONDO TEMPO. Nell’intervallo il Catanzaro cambia. Dentro Carlini e Curiale per Verna e Di Piazza. La ripresa si apre però con il tentativo del Foggia. Punizione di Curcio dai venti metri che finisce alta di poco sulla traversa. La prima metà del tempo scorre via con continui rovesci di gioco ma portieri poco impegnati. Il Foggia sembra prendere campo e al 70’ D’andrea su calcio d’angolo indirizza verso l’angolino alla sinistra di Branduani ma il pallone termina sul fondo. La reazione del Catanzaro è veemente. Al 72’ doppio miracolo di Fumagalli a distanza di pochi secondi. Il portiere rossonero prima dice di no alla conclusione di Di Massimo d’esterno poi si oppone d’istinto sull’immediata controbattuta di Casoli. Un minuto dopo però il Catanzaro torna in vantaggio. È Carlini in splendida conclusione a volo a spedire in rete un cross dalla destra di Fazio. La partita del Foggia si complica al 77’ per l’espulsione di Anelli. L’arbitro sventola il cartellino rosso dopo alcune scaramucce con Pinna su azione d’angolo ma il provvedimento appare esagerato. Entrano in campo Rocca e Tascini e il Foggia si rovescia in avanti rischiando in contropiede. Curiale, due volte, sfiora il tris tra l’85’ e l’87’. Ma sono i rossoneri nel recupero ad avere due buone occasioni per il pareggio. Al 91’ su punizione tesa di Gentile respinta da Branduani e al 94’ con Di Masi il cui rasoterra termina sull’esterno della rete. Finisce così con la festa del Catanzaro sotto la curva, per il Foggia la seconda sconfitta consecutiva che però ha lasciato intravedere la qualità degli ultimi arrivati, su tutti Raggio Garibaldi e Rocca.
 
Catanzaro Branduani, Riccardi-Fazio-Pinna, Contessa-Baldassin (77’ Altobelli)-Corapi-Verna (46' Carlini)-Garufo (64’ Casoli), Di Piazza (46’ Curiale)-Evacuo (61’ Di Massimo).

FOGGIA. (3-4-1-2) Fumagalli, Anelli-Gentile-Germinio, Kalombo (74’ Di Masi)-Raggio Garibaldi (85’ Tascini)-Garofalo (64’ Vitale)-Ndiaye, Curcio (74’ Rocca), Dell’Agnello-D’Andrea
 
Ammoniti: 24’ Curcio (F), 32’ Fumagalli (F), 43’ D’Andrea (F), 49’ Corapi (C), 57’ Ndiaye (F), 69’ Kalombo (F), 82’ Di Massimo (C) 90’ Pinna (C)
 
Espulsi: 77’ Anelli (F)

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload