Stampa questa pagina

Ciboò, a Foggia approda l'urban style a tavola

Il ristorante/pizzeria ha aperto in via Berlinguer 

Un nuovo concept di cucina, uno stile urbano che propone un menù attento alle nuove esigenze dei clienti. L’urban style a tavola arriva anche a Foggia: è Ciboò, pizzeria/ristorante dal design industrial, inaugurato a inizio agosto in via Berlinguer 54/58. Un progetto firmato Ivano Liberatore e Matteo Pipoli, con lunga esperienza nel settore e un design interno curato dallo studio di progettazione Ilab 2.0 (Dario Puteo e la sua collaboratrice Sharon Orlando). 

L’IDEA. “Non smettiamo mai di ricercare ingredienti di qualità con basi solide del nostro territorio, ma siamo attenti a proporre una cucina innovativa e creativa”, spiegano Pipoli e Liberatore. La loro identità è quella della pizza e cucina urbana. Ma cosa vuol dire concretamente? “Ci sono molteplici motivi e spiegazioni. Urbana innanzitutto perché è una cucina il cui stile richiama le metropoli, ovvero 'ricercato', industrial ed elegante. Ma il concetto di urban – evidenziano – si manifesta anche con la parte del menù dedicata allo street food, riprendendo le abitudini e le tradizioni delle grandi città. E' urbana, infine, perché legata al territorio: utilizziamo anche prodotti a km0, avendo la disponibilità di un orto alle porte di Foggia”. 

TRA PIZZA E RISTORANTE. Un'offerta variegata in un menù articolato, con numerose proposte. A cominciare dalla pizza. “Le pizze sono di tre categorie. Abbiamo le classiche, quelle Ciboò e le gourmet: queste ultime, in particolare, hanno una presentazione diversa e almeno un ingrediente proviene dalla cucina del ristorante, come il tonno fresco scottato o di carne alla griglia". 

IL MENÙ. Creatività a tavola che si manifesta ulteriormente nel menù con il Laboratorio gastronomico: "Proponamo la rivisitazione di alcuni piatti. Abbiamo anche azzardato alcuni accostamenti, come il baccalà cotto a vapore servito con frutta o la cappasanta ubriaca e la risposta dei clienti è positiva". Una creatività frutto di studi e ricerche. "Ci piace sperimentare e proviamo tecniche di cucina diverse, come hamburger cotti a bassa temperature per molte ore". 
Ottanta coperti, con attenzione alle intolleranze - "Siamo attrezzati per la pizza senza lattosio e la cucina ristorante anche per il senza glutine" -, Ciboò ha un altro punto di forza nei dolci: "La selezione propone un'offerta di dolci tutti prodotti e realizzati da noi". 

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload