Stampa questa pagina

Foggia-Andria, Baranca precisa: "Nessuna accusa alla società rossonera, ma sull'1 movimenti anomali"  INTERVISTA

Francesco Baranca
“Confermo quanto affermato nel comunicato diramato nel pomeriggio e reputo inutile la reazione del Foggia calcio. Nello scandalo del calcioscommesse le società non sono sotto accusa, sono anzi vittime del comportamento scorretto dei loro calciatori”.

IL COMUNICATO DEL FOGGIA. Le ombre, sollevate da Federbet, sul risultato acquisito sul campo nella gara tra Foggia-Andria, hanno comportamento l'immediata reazione della società rossonera che in una nota comparsa sul sito ufficiale ha espresso “sconcerto e sgomento per una affermazione dal contenuto gravissimo, del tutto priva di fondamento”. annunciando di voler provvedere “immediatamente a tutelare il buon nome del Foggia Calcio e dei propri atleti nelle sedi opportune”.

LA CONFERMA DI FEDERBET. Raggiunto telefonicamente da Foggia Città Aperta, Francesco Baranca - segretario generale dell'associazione che si batte contro le scommesse illegali – tuttavia non si scompone: “Nessuno ha accusato il Foggia calcio, del resto è possibile che la partita sia stata truccata anche con il solo accordo di calciatori dell'Andria – precisa. Su un punto però è fermo: ”Vi è stato un movimento anomalo della quota sull'1 (la vittoria del Foggia, ndr) in particolare nella parte finale del primo tempo quando è crollata improvvisamente nonostante sul campo non ci fosse dominio assoluto”. Ribadisce perciò il concetto: “I numeri non mentono mai ed è per questo che denunciamo alla Procura i movimenti sospetti. Del resto le statistiche tra partite segnalate e quelle che poi sono finite sotto inchiesta sono dalla nostra parte”.

IL GIRO DELLE SCOMMESSE. L'associazione diretta da Baranca collabora dal 2014 con la Liga Spagnola per il monitoraggio del cosiddetto match fixing (il fenomeno delle partite combinate) e nel maggio scorso ha contribuito con i suoi esposti a scoperchiare lo scandalo delle partite truccate dal Catania, poi ammesso da Pulvirenti. A differenza di tutte le altre partite segnalate, tuttavia, quella giocata allo Zaccheria è sembrata a chiunque l'abbia vista una partita vera per tutti i novanta minuti, compreso il post-gara infuocato ed è per questo che sui social la sortita di Federbet ha fatto infuriare i tifosi rossoneri. Per Baranca però non è così: “Ci sono dei precedenti di gare truccate conclusesi con finte risse – insiste e conclude -: preferisco ricevere proteste e in alcuni casi anche minacce piuttosto di evitare di denunciare quanto continua ad accadere in Lega Pro. È importante far capire ai calciatori che vi sono controlli costanti. Del resto anche l'Europa League non è immune. Provate a vedere cosa è accaduto in Sporting Lisbona – Skenderbeu dello scorso 22 ottobre. È la terza gara anomala che coinvolge squadre albanesi”.

RESTA LA VITTORIA. Alla Federbet, insomma, restano convinti: la vittoria del Foggia sull'Andria merita un approfondimento della Procura. Per i tifosi rossoneri la denuncia è un abbaglio: nulla può scalfire il grido di gioia al 93' dopo il gol di petto di Iemmello. Per nulla 'anomalo'. 

di Michele Gramazio


 COMMENTI
  •  reload