Stampa questa pagina

Calcio Foggia, due gol nella ripresa stendono la Nocerina

Reti di Cittadino (su rigore) e Kourfalidis

Foggia Nocerina
Per la prima volta in campionato il Foggia arriva da due partite consecutive senza vittorie (pareggio casalingo 2-2 con il Fasano e 0-0 deludente in casa dell'Agropoli). L'occasione del riscatto è in programma allo Zaccheria nella difficile gara contro la Nocerina. Gli uomini di Corda non steccano pur non brillando con una ripresa di sostanza grazie al rigore trasformato da Cittadino e al raddoppio firmato Kourfalidis, al suo primo gol in rossonero.

FORMAZIONE. Nel Foggia parte dalla panchina Gentile che soffre per l'infortunio a un ginocchio, a centrocampo tra i titolari c'è Di Masi sulla destra con Staiano in mezzo al campo con Cittadino e Gerbaudo. Corda non rischia dall'inizio El Ouazni, titolari in attacco sono Tortori e Russo.

PRIMO TEMPO. Pronti via e c'è subitouna emozione per parte. Al 4' lancio in area per Tortori che protegge palla in un corpo a corpo con Campanella. Il pallone resta lì e Gerbaudo ha il tempo di concludere in rete. L'arbitro però annulla il gol ritenendo fallosa l'opposizione dell'attaccante rossonero. Un minuto dopo dalle retrovie giunge il pallone a Dieme tutto solo davanti a Fumagalli ma il portiere rossonero ipnotizza l'avversario: la sua conclusione debole si impenna alta sulla traversa. Il Foggia mantiene il baricentro alto e al 12' ha l'occasione di passare su punizione: ci prova Cittadino dai venti metri concludendo a lato di pochissimo. Al 17' slalom di Campagna che dalla sinistra si accentra dribblando più avversari ma poi spara altissimo. A metà tempo si esaurisce l'iniziativa rossonera e i ritmi diminuiscono d'intensità. Sugli spalti torna un po' di entusiasmo quando al 30' il nuovo arrivato El Ouazni si alza dalla panchina per iniziare il riscaldamento. Al 37' Gerbaudo direttamente da calcio d'angolo costringe il portiere Scolavino al difficile intervento di pugni sul primo palo. Un minuto dopo Di Masi si incunea in area e reclama il calcio di rigore dopo un intervento su di lui di D'Anna. Dopo un minuto di recupero l'arbitro fischia l'intervallo senza alcun'altra occasione.

SECONDO TEMPO. Ninni Corda si gioca subito la carta del nuovo arrivato El Ouazni che inizia la ripresa subentrando a Russo. È un episodio tuttavia a sbloccare la gara. Al 4' sul rinvio sbilenco di Scolavino, Gerbaudo anticipa De Siena che lo atterra, l'arbitro non ha esitazioni e indica il dischetto. Cittadino non sbaglia e porta in vantaggio il Foggia. I rossoneri controllano bene e al 65' un altro episodio per poco non consente alla squadra di Corda di raddoppiare. Dalla destra Cittadino tenta il traversone che per poco non si insacca all'incrocio. Il portierino Leone appena entrato in sostituzione di Scolavino riesce a smanacciare in angolo. Al 68' entra Gentile, un minuto dopo il capitano serve El Ouazni che conclude in mezza rovesciata ma debolmente. Il Foggia cresce e al 71' ha una doppia occasione. Su punizione Gerbaudo colpisce direttamente il palo, sulla respinta della difesa si coordina Kourfalidis il cui rasoterra sfiora il palo. L'esterno classo 2002 ha la possibilità di rifarsi dieci minuti più tardi mettendo in ghiaccio la gara. Gentile scende sulla sinistra, entra in area e crossa al centro, dall'altra parte il calciatore greco e bravo ad addomesticare il pallone e a insaccare con un preciso tocco di sinistro. Non succede più niente, neanche nei quattro minuti di recupero concessi dall'arbitro. Il Foggia conquista i tre punti e continua la caccia al Bitonto.
 
FOGGIA – Nocerina 2-0 49' Rig. Cittadino (F), 81' Kourfalidis (F)
 
FORMAZIONI. FOGGIA Fumagalli, Anelli, Viscomi, Di Jenno (68' Cadili), Di Masi, Gerbaudo, Staiano (59' Kourfalidis), Cittadino (68' Gentile), Campagna (80' Ndiaye), Tortori, Russo.

NOCERINA. Scolavino (57' Leone), De Siena, Calvanese, Monaco, D'Anaa, Campanella, Martinelli (57' Varriale), Mincione (65' Cristaldi), Dieme (87' Sorgente), Liurni, Corcione.

AMMONIZIONI. 55' Monaco (N), 74' Gerbaudo (F), 92' Cristaldi (N)

di Michele Gramazio


 COMMENTI
  •  reload