Stampa questa pagina

Macchia Gialla, rimossa bancarella abusiva. Landella: "Nuove aree per i mercati"

Replica a De Pellegrino: "Solo propaganda politica"

immagine
Agenti del Corpo di Polizia Municipale, guidati dal Comandante, Romeo Delle Noci, hanno effettuato ieri un’operazione antiabusivismo nei confronti di una “rivendita” di prodotti ortofrutticoli, sprovvista di qualsiasi autorizzazione, ubicata alla periferia sud della città, in zona Macchia Gialla. L’intervento ha permesso di sgomberare dalla merce la struttura abusiva, che in queste ore sarà del tutto smontata.
 
NUOVE AREE MERCATALI. Gli interventi antiabusivismo – spiegano da Palazzo di Città - proseguiranno nei prossimi giorni, nell’ambito di un’attività che l’Amministrazione comunale ed il Corpo di Polizia Municipale intendono mettere in campo in questo settore, che sarà potenziata ed intensificata con l’inizio del prossimo anno. «Su questo fronte, l’Amministrazione sta lavorando in due distinte direzioni: da un lato interventi di natura repressiva, che saranno moltiplicati nelle prossime settimane; dall’altro un lavoro accurato di programmazione finalizzato ad individuare nuove aree mercatali per quanti sono intenzionati a mettersi in regola – spiega il sindaco di Foggia, Franco Landella –. Questo primo intervento dimostra la nostra volontà di occuparci della questione, consapevoli della sua valenza e della sua importanza. È tuttavia opportuno ribadire che siamo in presenza di un problema che investe la sfera dell’ordine pubblico oltre che quella amministrativa. In quest’ottica intendiamo realizzare una collaborazione virtuosa ed operativa tra Comune, Corpo di Polizia Municipale, Prefettura e Questura».
LA RISPOSTA A DE PELLEGRINO. «Siamo impegnati nella elaborazione di un Protocollo d’Intesa che sottoporremo all’attenzione degli altri livelli istituzionali, proprio per dar vita ad una stretta cooperazione, che ovviamente avrà il Comune di Foggia in prima fila – sottolinea l’assessore comunale alle Attività Economiche, Eugenia Moffa –. Il tema, infatti, investe evidentemente più ambiti: da quelli igienico-sanitari, rispetto ai quali l’Amministrazione comunale non possiede un potere di sanzionamento ma solo quello di segnalazione, a quelli dell’ordine pubblico. Purtroppo per ragioni di polemica e propaganda politica qualcuno nei giorni scorso ha mescolato in maniera indistinta le questioni».
 

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload