Stampa questa pagina

Piccolo Teatro, a Parcocittà va in scena “Sarto per signora”

In scena Martedì 29 Settembre 2020 c/o Arena di Parco Città - Foggia alle ore 20.30 ingresso 21.00 sipario, uno dei lavori più conosciuti del maestro del Voudeville Francese Georges Feydeau, prodotto dalla Associazione Culturale “Compagnia Teatrale Palcoscenico” del Piccolo Teatro di Foggia. L’adattamento è curato da Dino La Cecilia, che sceglie di calare lo spettacolo nella realtà Foggiana degli inizi del 1900.

PERIFERIE AL CENTRO. La produzione dello Spettacolo nasce con il contributo del Teatro Pubblico Pugliese, il quale nell’ ambito del progetto “Custodiamo la cultura” della Regione Puglia ha scelto di inserire nel cartellone delle proprie attività tutte le associazioni vincitrici del bando Periferie al Centro 2020, tra cui appunto la storica compagnia del Piccolo Teatro di Foggia.  L’ingresso alla serata del 29 Settembre è gratuito, previa prenotazione dei posti sul sito di Parco Città www.parcocittafoggia.it.    
 
LA TRAMA. Sarto per signora descrive gli sforzi del dottor Matrella, prestigioso medico foggiano, per riuscire a incontrarsi con la sua amante, Susanna, senza che né sua moglie né il marito di lei vengano a conoscenza della tresca. A questo scopo, il dottore affitterà un appartamento in cui, uno dopo l'altro, sfileranno tutti i personaggi guastando l'intimità della coppia e costringendo Matrella a spacciarsi per un sarto specializzato in abiti da donna con l'intento di nascondere la verità delle cose. Nell'improvvisato laboratorio faranno il loro ingresso l'amante di Matrella, sua moglie, il marito di Susanna, l'amante di quest'ultimo, un amico di famiglia di nome Bruno, primo marito dell'amante del marito di Susanna e da questa abbandonato, e infine la suocera dal terribile carattere. Ovviamente, l'incontro casuale di una serie di personaggi dagli interessi opposti determinerà situazioni irrisorie di ogni tipo che sfoceranno in una interminabile frenesia scenica che, nell'ultimo atto, porterà a galla i molteplici adulteri.

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload