Stampa questa pagina

Portava minori in un B&B per prestazioni sessuali: arrestato 36enne

I giovani erano pagati dai 25 ai 40 euro

immagine
Portava ragazzi di 16 e 17 anni presso un B&B di Cerignola per prestazioni sessuali: F.M., 36 anni incensurato, è stato scoperto e arrestato dal personale del Commissariato di polizia.
I MINORI NEL B&B. Lo scorso mese di novembre, gli agenti avevano appreso che il proprietario di un’edicola situata nel centro di Cerignola era solito portare dei minori in un B&b. Durante un servizio di osservazione era stato notato che l’uomo, una volta chiusa l’edicola, si allontanava per le vie adiacenti, girovagando senza motivo, fermandosi più volte, come se attendesse qualcuno, guardandosi continuamente intorno.
L’APPOSTAMENTO. Il servizio di osservazione era stato effettuato per più giorni, fino alla sera del 20 novembre scorso, quando l’edicolante, dopo aver chiuso l’esercizio, aveva effettuato una telefonata e si era diretto verso la villa comunale. Qui aveva incontrato un ragazzo e, dopo essersi salutati, si erano incamminati verso il convento dei cappuccini, dove avevano incontrato un altro giovane, dai tratti somatici quasi fanciulleschi, e dopo un breve colloquio avevano ripreso il cammino tutti insieme verso la stessa direzione.
L’INGRESSO NEL B&B. Dopo essersi recati davanti al portone del B&B, l’uomo aveva effettuato una telefonata e il portone si era aperto. La donna con mansioni di gestione del B&B, aveva riferito di non aver ancora chiesto i documenti di ingresso alla coppia e, quindi, di non conoscerne l’identità. Dopo essersi appostati fuori dalla stanza occupata dai due, gli agenti avevano deciso di entrarvi silenziosamente.
L’IRRUZIONE. Una volta dentro avevano notato il giovane, steso sul letto, vestito del solo boxer, mentre l’uomo lo toccava delicatamente. A quel punto, gli agenti erano intervenuti e avevano bloccato i due, mentre su una sedia era stato trovato un rotolo di scotch largo da pacco, un paio di forbici e un preservativo integro e imbustato.
LE PRESTAZIONI. Il giovane, di 17 anni, aveva riferito di essere stato pagato 45 euro per le prestazioni e che non era la prima volta che incontrava l’uomo. Il minore aveva precisato che un suo conoscente, anch’egli minorenne, gli aveva fatto conoscere l’uomo. Durante le prestazioni precedenti l’uomo aveva utilizzato lo scotch per legargli i polsi in modo da poter essere libero di baciarlo e toccarlo su tutto il corpo.
GLI ALTRI MINORI. Sentito l’altro minore, anche questi confermava la versione fornita dal primo, dichiarando di aver conosciuto l’uomo tramite un altro connazionale di 16 anni e di essere andato più volte nel B&B con l’uomo, che lo pagava dai 25 ai 40 euro per volta e che alcune volte gli legava mani e piedi con lo scotch.
LE MINACCE. Inoltre, anche il 16enne aveva confermato il modus operandi dell’uomo, aggiungendo che, una volta, per una sua prestazione aveva percepito la somma di 60 euro, ma quando aveva detto all’uomo che non voleva più saperne era stato minacciato che il tutto sarebbe stato riferito ai suoi genitori, e pagato 200 euro per comprarne il silenzio. Dalle indagini è emerso che l’uomo, fin dallo scorso mese di agosto, cercava di individuare nel B&B il posto ideale dove condurre le sue vittime.

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload