Stampa questa pagina

Verde urbano, l'appello del WWF: "Stop al consumo di suolo, salvaguardiamo Foggia dalla speculazione edilizia"

Un grido d'allarme e un appello per lo stop al consumo di suolo. Il WWF Foggia si rivolge alle istituzioni, ai portatori d’interesse e alla cittadinanza, per fermare quella che ritiene "una crescita urbanistica incontrollata (nonostante il vertiginoso calo demografico), con una politica orientata più alla speculazione edilizia che ai servizi, attraverso scelte discutibili come la lottizzazione incontrollata, l’abbattimento al posto del restauro di palazzi storici, il tutto a discapito del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico".

INVERTIRE LA TENDENZA. "In un’epoca in cui le sfide ambientali e sociali sono sempre più pressanti - evidenzia la nota dell'associazione -, la 'sostenibilità urbana' è una delle soluzioni chiave per garantire un futuro vivibile e prospero ai cittadini. Quindi è fondamentale porre fine alla speculazione edilizia che ha caratterizzato lo sviluppo urbanistico della Città di Foggia, privilegiando il 'mattone' rispetto alle esigenze ambientali e di qualità della vita dei cittadini. Continuare su questa strada significa compromettere irrimediabilmente il nostro territorio, aumentando i rischi legati ai cambiamenti climatici e riducendo gli spazi verdi indispensabili per una vita sana e sostenibile".

AREE VERDI E MOBILITà LENTA.  Per il WWF, "la creazione di aree verdi, una pianificazione urbanistica attenta e sostenibile sono pilastri imprescindibili per lo sviluppo futuro di Foggia. Gli spazi verdi non solo migliorano la qualità dell'aria e riducono l'effetto isola di calore, ma offrono anche luoghi di svago e socializzazione, contribuendo al benessere fisico e mentale dei cittadini. Non è un caso che tutte le città del mondo oggi parlano di riforestazione urbana, cinture verdi etc. È necessario un piano urbanistico che integri il verde pubblico in ogni quartiere, piste ciclabili, strade a 30 km/h e che preveda la riqualificazione delle aree dismesse anziché nuove costruzioni indiscriminate".

VERSO UNA CITTà COMPATIBILE CON L'AMBIENTE.  Il futuro di Foggia deve essere costruito su basi di sostenibilità e rispetto per l'ambiente. Solo così potremo garantire alle generazioni future una città vivibile e resiliente di fronte alle sfide dei cambiamenti climatici. Bisognerà quindi fare attenzione all’efficienza energetica delle strutture pubbliche e private, all’uso consapevole e responsabile delle risorse idriche (l’ottimizzazione dei sistemi di irrigazione e la riduzione degli sprechi), alla riqualificazione dei parcheggi rendendoli alberati e con suoli permeabili (a Foggia abbiamo solo spianate di asfalto). Il WWF Foggia sostiene e invita le autorità locali a impegnarsi in una politica di urbanizzazione sostenibile senza badare alle pressioni esterne, promuovendo progetti che valorizzino il nostro patrimonio naturale e culturale ed evitino l’inutile consumo di suolo (come avvenuto finora).

I QUARTIERI. "La crescita urbanistica in questi anni - conclude il WWF - ha prodotto solamente quartieri dormitorio e abbandonati a sé stessi, disordine urbanistico, etc. e' giunto il momento di cambiare rotta. Occorre quindi riconnettere fra loro i quartieri di Foggia (magari attraverso progetti visionari come “l’arteria verde”). Fermare il consumo di suolo, contrastare la speculazione edilizia investendo sui servizi, mobilità lenta e nelle aree verdi sono azioni necessarie per costruire una Foggia migliore, più verde e più sostenibile". 

di Redazione 


 COMMENTI
  •  reload